Stenosi del canale vertebrale: cos’è e i suoi sintomi

Stenosi del canale vertebrale: cos’è e i suoi sintomi

Per stenosi del canale vertebrale si intende il restringimento dello spazio in cui sono contenuti il midollo spinale e le radici nervose.

La conseguenza sarà una sensazione di dolore, originata dalla compressione del midollo spinale e dei nervi che sono situati lungo la colonna vertebrale.

Le parti maggiormente interessate da questo disturbo sono il rachide lombare e il rachide cervicale: in quest’ultimo caso gli effetti possono essere gravi, causando anche un grado maggiore di disabilità.

La stenosi vertebrale, anche detta stenosi spinale, è determinata dalla contrazione di uno dei due spazi della colonna vertebrale, in cui sono situati i nervi, ossia:

  • Il canale midollare, nonché la parte centrale della colonna, dove si trovano il midollo spinale e le radici nervose;
  • Le aperture tra le vertebre, attraverso cui i nervi si muovono dalla colonna vertebrale al resto del corpo.

I pazienti maggiormente interessati da questo problema sono gli uomini e le donne, che hanno un’età maggiore di 50 anni. Ma, anche i più giovani possono soffrirne, se dalla nascita presentano un restringimento del canale vertebrale o se, nel corso della vita, hanno subito lesioni alla colonna.

Tra i motivi che possono determinare l’insorgenza della stenosi spinale bisogna menzionare:

  • L’artrosi o la degenerazione del disco;
  • La spondilolistesi, ossia lo scivolamento di una vertebra su un’altra;
  • L’artrite reumatoide;
  • La formazione di tessuto anomalo nelle strutture che formano il canale spinale, a seguito di un tumore;
  • Disturbi del metabolismo osseo che generano la crescita ossea (tra cui la malattia di Paget).

Per quanto riguarda i sintomi più comuni che il paziente avverte in caso di stenosi vertebrale, è necessario ricordare il formicolio, l’intorpidimento, il bruciore e il dolore che, generalmente, interessa le natiche, l’arto inferiore e il piede.

Top