Mal di schiena nei bambini: tutto ciò che bisogna sapere

Mal di schiena nei bambini: tutto ciò che bisogna sapere

Chi pensa che il mal di schiena possa colpire solamente gli adulti si sbaglia. Negli ultimi decenni, infatti, questo disturbo interessa anche i bambini.

Il mal di schiena nei bambini, infatti, è un disturbo effettivo e reale, in quanto:

  • 1 bambino su 10 ha vissuto almeno un episodio di lombalgia, già a partire dai 7 anni d’età;
  • Si verifica un incremento nella percentuale (circa il 6% in più) nei bambini che hanno 10 anni;
  • Tra gli adolescenti, il numero di coloro che soffrono di mal di schiena cresce ulteriormente, fino a raggiungere il 18%.

Bisogna tenere presente che, nel momento in cui si verifica un episodio di lombalgia già in giovane età, è più probabile che il soggetto ne sarà affetto anche da adulto.

Tuttavia, ci sono alcuni fattori da tenere in considerazione, tra cui:

  • Il sesso, in quanto è più probabile che il mal di schiena si verifichi nelle bambine e nelle adolescenti;
  • L’età, poiché più l’età avanza, più aumenta la probabilità di esserne colpiti;
  • L’attività fisica, soprattutto nel caso di totale assenza o di allenamento troppo intenso;
  • La flessibilità muscolare ridotta;
  • Ereditarietà.

Secondo alcuni studi, infatti, l’Italia risulta essere il Paese più sedentario di tutta l’Europa e la maggior parte dei bambini non praticano sport, con la conseguenza di favorire il sovrappeso.

Per quanto riguarda le cause, così come succede per i pazienti adulti, anche nei bambini è possibile riconoscere una causa specifica nell’80% dei casi. Ma, data la giovane età del paziente, è difficile individuare il dolore e saperlo descrivere in maniera corretta, cadendo, spesso, in eccessi. Di conseguenza, è giusto non sottovalutare i sintomi ma è anche necessario non esserne eccessivamente preoccupati.

Secondo alcuni, una delle cause principali della lombalgia nei bambini è l’eccessivo peso dello zaino. In realtà, la letteratura scientifica dimostra come non esistano prove che evidenzino la responsabilità dello zaino nel mal di schiena.

La preoccupazione dei genitori, quindi, deve ricadere sulla correttezza con cui è indossato lo zaino e sulle tempistiche che non devono superare i 20 minuti.

Per poter prevenire il mal di schiena nel bambino, è quindi utile evitare la sedentarietà già in età pediatrica. Solo in questo modo, infatti, si potrà rinforzare la muscolatura e aumentare resistenza e coordinazione.

Nel caso di dolore persistente alla schiena, bisogna contattare il proprio pediatra e valutare un percorso fisioterapico, costruito ad hoc per il piccolo paziente.

In questo modo si potrà:

  • Aumentare la forza e la flessibilità della colonna;
  • Diminuire progressivamente il dolore;
  • Migliorare il controllo posturale.

Affidati agli specialisti dei centri BENEFISIO, per restituire piena funzionalità e benessere fisico al tuo corpo.

Top