Cerotti antidolorifici: funzionano davvero?

Cerotti antidolorifici: funzionano davvero?

I cerotti antidolorifici hanno lo scopo di alleviare dolori muscolari e ossei, ossia del sistema neuro-muscolo scheletrico.

I cerotti antidolorifici, infatti, fanno penetrare nella pelle il principio attico del farmaco, evitando di ingerirli per bocca o con altri mezzi.

Ovviamente, questa tipologia di trattamento non può mai sostituirsi all’azione professionale del fisioterapista. Anzi, sarà proprio lui a suggerire l’utilizzo dei cerotti in caso di necessità, da integrare al regolare trattamento fisioterapico.

Infatti, non bisogna dimenticare che il cerotto contiene principi attivi (lidocaina, ibuprofone, piroxicam) che riescono ad alleviare i dolori muscolari, addominali, articolari e anche mestruali.

Esistono, tuttavia, dei cerotti riscaldati che sono efficaci in caso di dolore lombare, al collo, alle spalle. Il calore riesce a dilatare i vasi, migliorando la circolazione e l’ossigenazione dei tessuti, eliminando più in fretta le tossine. Il loro effetto si manifesta dopo pochi minuti e ha una durata di circa un paio di ore e sono molto consigliati dai fisioterapisti in quanto non contengono farmaci.

I cerotti antidolorifici riscaldati, però, non sono consigliati per i pazienti che presentano insufficienza venosa, diabete, malattie cardiache o che prevedono un’alterazione della percezione del calore.

Affidati agli specialisti dei centri BENEFISIO, per restituire piena funzionalità e benessere fisico al tuo corpo.

Top