Caviglie gonfie: ecco le principali cause e i rimedi

Caviglie gonfie: ecco le principali cause e i rimedi

Molti sono i pazienti che soffrono di caviglie gonfie, spesso accompagnate da gonfiore anche a gambe e piedi.

Le caviglie gonfie sono la conseguenza della forza di gravità sui fluidi del corpo. Infatti, a seguito di posizioni mantenute nel tempo (principalmente quella seduta ed eretta), diventa più difficile la risalita di liquidi verso il cuore.

Ciò crea dei ristagni che provocano gonfiore e ritenzione idrica. Tuttavia, il gonfiore alle caviglie non è dato esclusivamente dalla gravità ma anche da alcune patologie.

Questa condizione dà vita a dolore alle gambe e, di conseguenza, una difficoltà nel movimento.

In generale, sono due i motivi che stanno alla base di caviglie, gambe e piedi gonfi (a parte l’età del paziente e le problematiche legate al sistema di vascolarizzazione):

  • Sovrappeso e obesità: queste problematiche creano inefficienza nel sistema di vascolarizzazione, fermando il ritorno venoso e linfatico. Da qui, l’accumulo di liquidi in precise parti del corpo.
  • Posizione eretta e seduta per un tempo prolungato: mantenere i muscoli inattivi per un lungo periodo, significa non attivare la pompa muscolare capace di spingere i liquidi verso il cuore, determinando gonfiore anche alle caviglie.

È bene tenere presente, però, che le caviglie gonfie possono essere anche la conseguenza di patologie o condizioni più gravi, tra cui:

  • Distorsione alla caviglia;
  • Gravidanza;
  • Assunzione di particolari farmaci;
  • Patologie renali, cardiache ed epatiche;
  • Linfedema;
  • Trombosi venosa;
  • İnfezioni;
  • Insufficienza venosa.

Se la condizione di caviglie gonfie è data da motivazioni diverse rispetto alle patologie appena citate, è possibile far affidamento ad alcuni rimedi efficaci:

  • Non appena messi a letto, un valido aiuto può essere quello di sollevare le gambe, con l’ausilio di un cuscino. In questo modo si favorirà la circolazione.
  • Abbassare il consumo di sale, che provoca accumuli di liquidi nelle gambe;
  • Indossare abbigliamento comodo e che non stringa le zone delle caviglie e delle cosce.
  • Mangiare sano;
  • Utilizzare calze a compressione graduale o calze di supporto;
  • Quando si sta seduti per un tempo prolungato, alzarsi almeno una volta ogni ora;
  • Affidarsi a un fisioterapista per eseguire degli esercizi terapeutici, mirati alla stimolazione della pompa muscolare per il drenaggio dei liquidi.
  • Effettuare alcune sedute, se necessario, con terapie fisiche strumentali (tecarterapia, pressoterapia, laserterapia, ecc).

Affidati agli specialisti dei centri BENEFISIO, per restituire piena funzionalità e benessere fisico al tuo corpo.

Top